scabbia o rogna dei gatti
Trattamenti

Il parassita della Rogna Notoedrica o Scabbia Felina

Cos'è

La Rogna Notoedrica, chiamata anche Scabbia o Rogna dei gatti, è una parassitosi intensamente pruriginosa causata da una acaro, il Notoedres cati. Questo acaro è imparentato con quello che causa la rogna sarcoptica nel cane.

Il Notroedres cati è un parassita diffuso in tutto il mondo e può infestare i gatti di ogni età, sesso e razza ma è particolarmente diffuso tra i gatti randagi che non sono sottoposti a profilassi antiparassitaria regolare.

Notoedres cati: ciclo vitale e riprodiuttivo

Il Notoedres cati spende l’intero ciclo vitale sul gatto. Le femmine gravide dell’ acaro scavano dei tunnel nell’epidermide per andare a depositare le uova in un luogo sicuro stimolando così le terminazioni nervose superficiali. E’ questo il principale motivo del prurito percepito dal gatto.

Dalle uova nascono le larve che emergono in superficie e che poi si trasformano in ninfe sessualmente mature. Il ciclo vitale dell’acaro si completa in 3 settimane.

Come si manifesta la scabbia o rogna dei gatti

Il primo segno della Scabbia Felina è il prurito, seguito dalla perdita di peli e dalla comparsa di aree con croste o ispessimenti cutanei (ipercheratosi).

Inizialmente queste lesioni appaiono all’apice delle orecchie poi progrediscono sulla faccia e collo e infine, se non trattata, le lesioni coinvolgono anche gli arti, i piedi e le aree genitali.

Nei gatti randagi affetti dal virus dell’immunodeficenza felina FIV non sono infrequenti le infezioni cutanee secondarie associate a questa parassitosi.

Le sedi cutanee più colpite sono la testa ed il collo ma se la parassitosi non è curata può estendersi alle gambe , piedi, aree genitali. Questa diffusione è facilitata dall’abitudine dei gatti di dormire rannicchiati.

Cause

Di solito la causa di contagio della scabbia o rogna dei gatti è il contatto diretto con un altro gatto affetto mentre la trasmissione attraverso oggetti è decisamente infrequente.

Diagnosi

La conferma diagnostica si ottiene prelevando scaglie e croste nelle aree cutanee affette mediante raschiati cutanei ed esaminandoli al microscopio. Si deve evidenziare l’acaro o le uova .

Nel gatto, a differenza del cane, il rinvenimento degli acari e/o delle loro uova nei soggetti infestati è comune. In ogni caso un esame microscopico negativo tuttavia non può escludere diagnosi di rogna.

Come si cura la scabbia o rogna dei gatti

Numerosi antiparassitari sono controindicati perché tossici nel gatto. In generale i preparati a base di zolfo attivo colloidale (SULFUR BIOS) sono efficaci e sicuri.

Attualmente i lattoni macrociclici in formulazione spot on come selamectina, moxidectina sono le molecole che maggiormente vengono utilizzate perché hanno dimostrato sicurezza ed efficacia nel gatto.

La scabbia o rogna dei gatti può interessare anche l’uomo: a volte anche gli uomini vengono parassitati e manifestano prurito e arrossamenti soprattutto a gambe e braccia. L’acaro però è specifico per il gatto e dopo circa due settimane la sintomatologia termina senza alcuna cura.

Prodotti indicati per il trattamento